Claudio

2018 | 135 x 67 cm | Copper, salt, acid and resin (sale, acido muriatico e resina su lastra di rame)

 

Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico (Lugdunum 10 a.C. – Roma 54) è stato il quarto imperatore romano della dinastia giulio-claudia (41-54), ed il primo a nascere fuori dell’Italia. Figlio di Druso maggiore e Antonia minore, era considerato dai suoi contemporanei come un candidato improbabile al ruolo di imperatore, soprattutto in considerazione di una qualche infermità fisica da cui era affetto, tanto che la sua famiglia lo tenne lontano dalla vita pubblica fino all’età di quarantasette anni, quando tenne il consolato assieme al nipote Caligola.

Furono probabilmente questa infermità e la scarsa considerazione politica di cui godeva che gli permisero di sopravvivere alle purghe che colpirono molti esponenti della nobiltà romana durante i regni di Tiberio e Caligola. Alla morte di Caligola Claudio divenne imperatore assieme alla terza moglie Messalina, in quanto unico maschio adulto rimasto della dinastia giulio-claudia. Malgrado la mancanza di esperienza politica Claudio fu un abile amministratore, un grande patrono dell’edilizia pubblica, un espansionista in politica estera con la conquista della Britannia, e un instancabile legislatore.

La fama di Claudio presso gli storici antichi non fu positiva infatti la sua posizione era resa poco sicura dall’opposizione della nobiltà. Dovette sopportare molte disgrazie nella vita privata tra cui l’origine del suo assassinio, forse ordinato dalla quarta moglie, che avvenne subito dopo l’adozione del figlio di Agrippina minore madre di Nerone.